Pagine

domenica 29 maggio 2016

PUNIRE

"Mi ha rosicchiato lo stipite della porta per l'ennesima volta ...non ci ho piu' visto...l'ho punito!"

"Era sul mobile a rodere i piani! Gli ho urlato  e mi sono avvicinata con fare minaccioso per spaventarlo."

"L'ho chiuso in gabbia perche' va sempre a mangiare i fili del carica batteria dello smarphone"

Rosicchiare, masticare, distruggere .... e' un bisogno istintivo del nostro amico e quindi non puo' essere eliminato. Inoltre, un pappagallo impegnato a mangiucchiare un oggetto non si sta annoiando e questo e' un lato positivo perche' la noia conduce nel tempo a problemi comportamentali.

Quando sorprendete il pappagallo intento a rovinare qualcosa di prezioso per voi, mantenete la calma, respirate profondamente e non mettetelo in punizione,  perche' non serve a proprio a nulla punire un pappagallo o un qualsiasi altro animale.

Domandatevi piuttosto cosa potete fare per rendere meno "appetibile" l'oggetto al vostro pennuto...ad esempio coprendolo con un panno, spostando qualcosa oppure mettendo un giochetto rosicchiabile nelle vicinanze che attiri la sua attenzione.

La punizione, che noi umani amiamo tanto come metodo di insegnamento, nel caso degli animali  non e' affatto utile  per modificare un comportamento non gradito, ma, al contrario,  provoca effetti "indesiderati" come paura, ansia e un progressivo calo di fiducia verso di noi che mina il rapporto costruito.

Il pappagallo smette di rosicchiare e scappa per paura, non perche' ha capito il "senso" della punizione e, infatti, alla prima occasione tornera' a masticare lo stesso oggetto.

Tenete a mente che il modo migliore per insegnare o modificare un comportamento e' attraverso il rinforzo positivo.  Approcciatevi al pappagallo con calma, concentrazione e pazienza e gli effetti positivi non tarderanno ad arrivare.



Risultati immagini per grrrrr
foto presa da internet